Calciomercato Napoli, Fabian Ruiz preso “Per 30M”

0

Fabian Ruiz sbarca a Napoli durante le vacanze, il tecnico del Betis: “Va via“. Meret balza in pole per la porta, Mertens può rinnovare fino al 2022.

Il Napoli lavora in entrata e punta a tenersi stretti i propri gioielli, col portierino dell’Udinese Meret balzato in pole nella lista azzurra e Ancelotti ‘stregato’ dal belga. E nel frattempo, è fatta per Fabian Ruiz.

La conferma arriva dal tecnico del Betis, Quique Setien:

“Sembra proprio che se ne possa andare, se non è stato già venduto – le sue parole a ‘Radio Futbol – Stavamo aspettando che il giocatore decida. Ma sembra che potremmo cederlo per 30 milioni”. Il calciatore, in crociera con la famiglia, come riferito da ‘CalcioNapoli24’, ha fatto capolino in città durante le sue vacanze.

Il ‘Corriere dello Sport’ fa invece il punto sulla caccia del club di De Laurentiis al prossimo custode dei pali, con 20 milioni messi sul piatto per il 21enne estremo difensore nell’ultima stagione in prestito alla SPAL.

L’ Udinese, proprietaria del cartellino, però ne chiede 30 e la trattativa diventa complessa: possibile intesa a 25, senza dimenticare comunque che il Napoli ha nel mirino anche Areola del PSG .

Sfumate le piste Leno (ufficiale all’Arsenal) e Lunin, con l’ucraino prossimo a firmare per il Real Madrid, i partenopei sfogliano la margherita e sferrano l’assalto più convinto a Meret. Secondo ‘Tuttosport’, gli azzurri oltre a dar vita al summit con i bianconeri nella giornata di oggi per il portierino, potrebbero imbastire con la famiglia Pozzo anche lo scambio Sepe-Karnezis (il greco è al Watford, società controllata dai proprietari dei friulani).

Dal toto-portiere a Mertens, che Ancelotti vorrebbe avere alle proprie dipendenze e che ai Mondiali è partito col botto siglando un eurogoal contro Panama: la clausola rescissoria da 28 milioni è scaduta, ora si punta al rinnovo.

De Laurentiis, per assecondare i desideri del neo tecnico, come spiega la ‘Gazzetta dello Sport’ potrebbe proporre all’attaccante un prolungamento fino al 2022 con ritocco dell’ingaggio attualmente fissato a 4 milioni. Senza inserimenti di altre clausole. Se ne parlerà dopo Russia 2018.