ARBITRAGGIO VERGOGNOSO E PARZIALE, LA LEGA INVIA I SUOI KILLER A PECHINO*, Juventus-Napoli 4-2: Mazzoleni assoluto protagonista della gara.

6

VERGOGNA ARBITRAGGIO A PECHINO, LA LEGA REGALA LA SUPERCOPPA ALLA JUVENTUS

Non è vittimismo, ma dura realtà. Il Napoli perde la Supercoppa non soltanto per propri demeriti, ma principalmente per le assurde decisioni del direttore di gara. Gli azzurri escono vincenti dal campo dopo i primi 45 minuti di gioco con il punteggio di 2-1, grazie a due splendide giocate di Cavani e Pandev: il Matador, dopo 50 metri di corsa, si fa ipnotizzare da Buffon ma sulla ribattuta è bravo ad infilare la palla in rete, mentre Pandev sfrutta un errore di Bonucci e beffa il portiere della Nazionale con un delizioso pallonetto. La Juventus era riuscita nel frattempo a portarsi momentaneamente in parità grazie ad un gran goal di Asamoah a volo da posizione defilata. Nella ripresa però succede l’impossibile: rigore al 72esimo regalato da Fernandez per fallo su Vucinic e Vidal che dagli 11 metri non fallisce. Inizia poi la follia di Mazzoleni, il quale non concede un rigore grande come una casa agli azzurri per fallo al centro dell’area di rigore di Barzagli su Behrami. Nel finale poi arriva l’incredibile beffa: espulsi ingiustamente Pandev prima e Zuniga poi. Sul colombiano, pochi secondi prima del cartellino rosso, c’era un fallo non sanzionato dallo stesso fischietto di Bergamo. Espulso anche Mazzarri per proteste. Nel primo tempo supplementare ci pensano Maggio con un autogoal e Vucinic a chiudere la pratica. Non è campanilismo, ma pura realtà: la Juventus ha scippato la Supercoppa…

*IL MAIUSCOLO DEL TITOLO E’ DELL’EDITORE.

Antonio De Filippo NAPOLICALCIO.NET