De Laurentiis furioso dopo Napoli-Empoli: colloquio con Benitez e i giocatori

0

Mezz’ora di riunione al termine della gara contro l’Empoli, nella pancia del San Paolo De Laurentiis a colloquio con Benitez, i giocatori e la dirigenza del Napoli.

Fischi all’uscita dal campo, fischi durante le azioni avversarie, fischi dopo i goal subiti. Il Napoli è riuscito a rimontare contro l’Empoli, ma nonostante il 2-2 e il pari finale, per tifosi e società è come se fosse una sconfitta. Sconfitta sul piano della cattiveria ad inizio gara (per tutto il primo tempo in verità) e sulla parte difensiva del quartetto beniteziano.

Furia De Laurentiis, Benitez a rischio
Furia De Laurentiis, Benitez a rischio

Terzo pareggio consecutivo per il Napoli, che vede l’opportunità di rosicchiare punti a Juventus e Roma scivolare via. In campo si è rivisto Mertens dal 1′, ha ripreso il proprio posto in mediana Jorginho, mentre Higuain è partito dalla panchina per poi subentrare nella ripresa. Hanno giocato praticamente tutti i titolari, ma non è andata bene.

Infuriato patron De Laurentiis al termine della gara, sceso nello spogliatoio azzurro per farsi fare il punto della situazione da mister Benitez. Presidente napoletano ovviamente insoddisfatto per un Napoli che continua a rimanere nel limbo del terzo posto, senza riuscire ad avere la minima continuità.

“Non ho parlato solo con il presidente, c’è stato un colloquio anche con lo staff tecnico e i giocatori” ha poi evidenziato lo stesso Benitez una volta finita la riunione con il resto della società. Riunione di fatto durata circa una mezzora, prima che il tecnico spagnolo si presentasse davanti ai microfoni per le consuete dichiarazioni post gara

Si apre in maniera negativa un mese fondamentale per il Napoli. Step uno: già qualificato al prossimo turno di Europa League, la squadra di Benitez proverà a conquistare il primo posto nel girone.

Step due, la Serie A. Dopo tre pari consecutivi non si potrà più sbagliare, considerando le tante, troppe squadre in lotta per la terza piazza (ma la qualificazione in Champions può arrivare anche con la vittoria dell’Europa League).

Step tre, infine, la Supercoppa Italiana contro la Juventus: una coppa per chiudere l’anno e aprire il prossimo con un trofeo in più in bacheca. E la consapevolezza di essere una squadra in grado di vincere contro tutto e tutti.

Rispondi