De Laurentiis chiude il ‘caso’ Higuain: “Resta al Napoli”

0

Il presidente De Laurentiis chiude il ‘caso’ Higuain: “Non ce l’ha chiesto nessuno”. Poi svela: “Lavoriamo su difesa e centrocampo, voglio più attaccamento alla maglia”.

Prima le parole dell’agente, poi la precisazione del Napoli, adesso il pensiero di Aurelio De Laurentiis. Protagonista della ‘telenovela’ Gonzalo Higuain, oggetto di continui rumors legati al proprio futuro su cui il presidente azzurro fa definitivamente chiarezza.

Intervistato da ‘Mediaset’, il numero uno dei partenopei ha evidenziato: Gonzalo è e resterà al Napoli. Ho citato la clausola rescissoria perché i quotidiani ne davano per certa la vendita. Il fratello non non ha seguito le fallaci dichiarazioni quotidiane della ‘Gazzetta dello Sport’ che ogni giorno diceva che avrei venduto Higuain a 50, a 60 e poi a 70″.

Niente partenza dunque, le strade del Napoli e del ‘Pipita’ continueranno ad essere le stesse: “Non ho parlato con Nicholas, gli dico che aspetto qui Higuain per un lavoro serio. Sarebbe bello se rientrasse con qualche giorno d’anticipo dalle vacanze e venisse qui a Dimaro”.


“Ho citato la clausola rescissoria di Higuain perchè i giornali ne davano per certa la vendita, non c’è nessuna coda per lui. Sarebbe bello se venisse a Dimaro”


E per chiudere il ‘caso’, il presidente del Napoli ha tirato così le somme spiegando quella ‘confidenza’ fatta ad un tifoso: “Ho capito che nel calcio, diversamente dal cinema, non c’è mai dell’ironia. Era una provocazione. Io che sono napoletano, sul cazzeggio e sulla supercazzola sono uno specialista. Così ho voluto fare qualche dichiarazione che andava in quella dichiarazione. Non me l’ha chiesto nessuno, non c’è nessuna coda. Nè hanno parlato col giocatore. Noi siamo sereni e rilassati”.

Passando al mercato in entrata, De Laurentiis ha scoperto le carte: “Lavoriamo per migliorare la difesa e il centrocampo che con l’arrivo di Valdifiori già sta cambiando. Con Sarri si cambia percorso, l’anno scorso è stata una gestione poco oculata”.

Infine un rammarico e un ‘diktat’ per la nuova stagione: “Se fossimo stati più attenti saremmo in Champions, era la mia priorità. Ho chiesto più attaccamento alla maglia e maggiore preparazione. Scudetto? La ‘Gazzetta’ ne parlava, il ‘Corriere dello Sport’ no. Io ho parlato del tricolore della Coppa Italia”.

Rispondi