Cagliari-Napoli, Gattuso: “Non siamo tornati, ci manca …”

0

Nel dopo partita di Cagliari-Napoli, ai microfoni di Sky è intervenuto Gattuso, tecnico del Napoli.

Gattuso nel post partita: “Non siamo tornati, dobbiamo fare un filotto di vittorie per affermarlo”

“Non siamo tornati. Per tornare dobbiamo fare un filotto di vittorie. Stiamo seguendo la strada giusta, ma non dobbiamo dimenticare ciò che abbiamo dimenticato. Non è un caso che nelle ultime 2 partite abbiamo subito zero gol. Elmas mi sta dando tanto, ma ha giocato perché Insigne aveva male al ginocchio. Scego quelli che stanno meglio e li butto in campo.
Su Callejon e Mertens dico che i giocatori devono essere professionisti, allenandosi in un certo modo e rispettando il club, poi parlano dei contratti con la società. Ci vuole coerenza, rispetto per la società e per i compagni”

Sul caso Allan

“Vi anticipo già: su Allan non porto rancore, domani è un altro giorno. I suoi problemi sono con la società, a me deve dimostrare impegno, altrimenti rifaccio ciò che ho fatto. Da parte mia, grande disponibilità a metterlo nelle condizioni migliori”

Sui senatori

“Oggi bisogna pensare al presente. Ciò che hanno fatto resterà nei libri di storia, ma conta quello che i calciatori fanno oggi. Io ho vinto il Mondiale, ma se penso di scendere in campo oggi, farei schifo. Abbiamo grandi qualità ma dobbiamo fare i 40 punti, perché quando si entra in un vortice non si esce più, anche se si hanno giocatori forti. Dopo, ognuno andrà per la sua strada”

Su Dries Mertens

“Al di là del gol, fa diventare tutto semplice. E’ un fenomeno ed è furbo. Sa quando andare a pressare e sa quando andare a legare i reparti. E’ uno che non sta mai fermo e fa la differenza. Dopo le esperienze passate in panchina, mi sono giurato di non promettere più nulla a nessuno; io faccio l’allenatore, i soldi non sono miei, sono un dipendente e le scelte le fa chi comanda l’azienda… La società mi ha chiesto un parere e io l’ho dato”

Rispondi