Salisburgo-Napoli 2-3 è la notte di Mertens, battuto il record di Maradona

0

Se nel famoso coro che animava lo stadio San Paolo alla fine degli anni Ottanta Maradona era meglio di Pelé, da oggi Diego dovrà farsi da parte per lasciar posto a Dries Mertens, almeno secondo le statistiche. Con la doppietta segnata in Champions League al Red Bull Salisburgo, l’attaccante belga supera il record dell’argentino volando a 116 gol segnate in tutte le competizioni da quando veste la maglia del Napoli.

Numeri impressionanti per un giocatore come lui che in sei anni è riuscito a conquistare un posto da titolare fisso in una squadra da sempre abituata a lasciare il suo attacco nelle mani di grandi numeri 9, del tutto diversi dal piccolo falso nueve lanciato quasi per scommessa da Sarri. Eppure il finto centravanti belga, che di finto forse non ha mai avuto granché, adesso siede sul secondo gradino del podio a soli 5 gol di distanza dal recordman Marek Hamsik, una bandiera destinata a essere raggiunta e superata già in questa stagione.

Dal suo arrivo in azzurro Mertens non ha smesso mai di stupire, prima come giocatore in grado di spaccare in due la partita da subentrato e poi come prima punta vera e propria, in grado di resistere alla concorrenza di attaccanti come Gonzalo Higuain e Arkadiusz Milik, oscurati spesso dalle magie del folletto belga e dai suoi gol spettacolari, come il pallonetto che ha “rubato” proprio a Maradona segnato alla Lazio nel 2017.

E ancora una volta Dries è riuscito a seguire alla perfezione le orme di Diego, lasciandosi travolgere dall’amore e dell’entusiasmo del popolo napoletano che lo ha incoronato come nuovo re. L’obiettivo per Mertens adesso è raggiungere il primo posto di questa speciale classifica, così da entrare per sempre nella storia della squadra che gli ha stravolto la vita.

Leave A Reply