Reina: “Qui al Napoli per aiutare la squadra a crescere, spero di battere Buffon”

0

A Castelvolturno il club partenopeo ha presentato ufficialmente il portiere spagnolo Pepe Reina e il difensore ex Real Madrid Albiol: “Si possono fare cose importanti”.

Nella sala conferenze di Castelvolturno, il Napoli ha presentato ufficialmente questo pomeriggio alla stampa e ai tifosi i due nuovi acquisti Pepe Reina e Raùl Albiol.

Il primo a prendere la parola è stato l’ex difensore del Real Madrid: “Stavo per lasciare le merengues ed il Napoli aveva molto interesse nei miei confronti. – ha raccontato – Ho parlato con Benitez che ha fatto certe pressioni per fare in modo che io arrivassi a Napoli. Questa è una squadra conosciuta nel mondo per Maradona e qui si possono fare cose importanti”.

Il nuovo portiere del Napoli, Pepe Reina
Il nuovo portiere del Napoli: Pepe Reina

Quindi sulla sua posizione in campo: “Giocherò dove il mister vorrà. – ha assicurato – Io mi trovo bene centralmente, ma posso giocare anche centrocampista”. Sul campionato che sarà lo spagnolo è piuttosto diplomatico: “Spero che questo sia un bel torneo. – ha detto – Siamo in molti e tutte molte vicine. Juventus, Inter, Milan, Roma, Fiorentina. E’ un campionato interessante, naturalmente siccome siamo in tanti nuovi e cresceremo piano piano, di partita in partita, e vedremo dove arriveremo“.

Quanto al suo ambientamento nella nuova realtà, Albiol non pensa che ci saranno problemi: “Mi trovo molto bene con tutti i miei compagni, che siano italiani, spagnoli o colombiani. – ha assicurato l’ex Merengues – Spero di imparare presto l’italiano per parlare con loro. La scuola italiana? Da piccolo mi sono sempre interessato alla scuola italiana dei difensori. Il Napoli ha una grande difesa, tutti, a prescindere dal ruolo, devono dare un contributo alla fase difensiva. Al di là dei singoli la squadra è forte”.

Quindi grandi elogi per mister Benitez: “Lui e Mourinho – ha detto – credo che siano i più vincenti dell’ultimo decennio. Sono molto diversi, ma vivono per il calcio e curano ogni dettaglio”.

Per i partenopei non sarà semplice far meglio dell’ultima stagione, ma lo spagnolo ci crede: “L’anno scorso il Napoli ha fatto belle cose. Ora si apre una nuova stagione, c’è un nuovo tecnico e tanti nuovi giocatori. – ha detto – Studieremo di partita in partita, faremo più punti possibili per stare nelle posizioni di testa. E’ importante conoscerci tutti, non solo chi giocherà. Saremo pronti”.

Dopo il difensore ha preso la parola l’ex portiere del Liverpool, Pepe Reina. “Sono contento di aver ritrovato Benitez – ha esordito – ha grande esperienza ed è cresciuto ulteriormente in questi anni, come noi”. Domani l’estremo difensore esordirà al San Paolo davanti ai suoi nuovi tifosi: “Quando sono stato al San Paolo è stato emozionante, cercherò di aiutare la squadra ad essere ancora più competitiva”, ha dichiarato.

Nessun timore per la possibile concorrenza interna con il giovane brasiliano Rafael. “E’ un portiere giovane, – ha detto di lui Reina – che ha un grandissimo futuro. Ha fatto bene in Brasile e collaborerò con lui, cresceremo e faremo belle cose insieme”.

A Napoli Reina avrà sulle spalle la pesante eredità di De Sanctis, passato alla Roma. “Rispetto tutti i miei predecessori, – ha commentato – cercherò di essere d’aiuto per far crescere questa squadra. Spero che riusciremo ad ottenere grandi risultati al termine della stagione, vogliamo raggiungere il livello del Napoli degli Anni Ottanta”.

Gli chiedono poi del possibile arrivo del suo ex compagno di squadra Skrtel: “Non so cosa stia cercando il Napoli, ma posso dire che Skrtel è un ottimo giocatore. – ha assicurato Reina – Ha un contratto col Liverpool però, lui ha ottime qualità ma non parlo di ipotesi. Rispetto lui, il Liverpool, ma anche i giocatori che ci sono adesso al Napoli”.

Per il portiere la presenza di Benitez in panchina è una garanzia: “I risultati testimoniano questo. Lui ha sempre fatto bene in tutte le squadre e spero che anche quest’anno possa accadere. – ha dichiarato – Questo però non avviene in pochi giorni, ma piano piano la squadra conoscerà l’allenatore e migliorerà con lui. Questo Napoli mi ricorda il Liverpool del 2005: una squadra forte, soprattutto in casa, ma dovremo migliorare, continuare a crescere. Lo spogliatoio è ottimo, la qualità c’è e possiamo fare bene”.

Quindi la sfida al numero uno della Juventus, Gigi Buffon: “Buffon è stato un riferimento per tutti i portieri negli ultimi 15 anni. – ha affermato – Ma spero di vincere contro di lui quando giocheremo contro”. Sullo Scudetto, però, lo spagnolo non si è sbilanciato: “Non creiamo pressioni”, ha concluso.

Leave A Reply