Napoli vicino a James Rodriguez? Su twitter gli indizi: un film prodotto dalla Columbia con protagonista un bandito

0

Il Napoli è sempre più vicino all’ingaggio di James Rodriguez. Sbarcata a Dimaro, la società azzurra invia messaggi criptici.

Il Napoli ha infatti mostrato su twitter l’arrivo dei vari giocatori in ritiro, da Callejon a Ghoulam, da Di Lorenzo a Younes, passando per Karnezis, Inglese e Verdi. Non c’è ovviamente Koulibaly, impegnato in Coppa d’Africa. La grande attesa è però quella di vedere James Rodriguez in azzurro e l’ultimo post della società ha scatenato i tifosi.

In molti hanno infatti visto nell’ultimo messaggio postato dal Napoli su twitter un chiaro riferimento all’imminente arrivo di James Rodriguez in azzurro:

“E tra poco arriveranno quelli del treno…per Yuma…”.

Quel treno per Yuma (in originale 3:10 to Yuma), è un celeberimo film western del 1957, la cui locandina è stata pubblicata dal Napoli su twitter dopo aver mostrato l’arrivo a Dimaro dei vari giocatori: la pellicola è stata prodotta dalla Columbia Pictures e vede tra i protagonisti il bandito Ben Wade.

Tantissimi tifosi hanno così cominciato a tempestare di messaggi il Napoli e dire la propria su twitter, visto e considerando la nazionalità colombiana di James Rodriguez e il soprannome dello stesso, ovvero El Bandito. Una coincidenza, un modo per creare suspence o semplicemente un messaggio senza secondi fini?

Ovviamente si tratta sopratutto di un messaggio per evidenziare come dievrsi giocatori del Napoli raggiungeranno Dimaro in treno nelle prossime ore, ma probabilmente anche con un sottotesto in vista di James Rodriguez.

Con o senza messaggi social, in ogni caso la destinazione più plausibile per James Rodriguez sembra essere proprio il Napoli del suo ex tecnico Carlo Ancelotti: la possibilità di vederlo all’Atletico Madrid è sfumata, così come la strada che porta alla Juventus.

Nei prossimi giorni novità, ma la Serie A si prepara per l’eventualità James Rodriguez: in Italia può sbarcare un altro grande campione.

Leave A Reply