Napoli, Milik, punto fermo: sempre titolare con Ancelotti

0

Il tecnico ha deciso di puntare con decisamente su Milik fin dal ritiro ma finora il polacco ha segnato solo un goal. E Mertens scalpita in panchina.

Il Napoli dei titolarissimi è andato definitivamente in soffitta contro la Sampdoria quando Ancelotti ha deciso di lasciare in panchina per scelta tecnica due totem come capitan Hamsik e Callejon ma anche il nuovo tecnico, ovviamente, ha i suoi punti fermi.

Tra questi, un po’ a sorpresa e fin dal ritiro, c’è Milik che è sempre sceso in campo da titolare nelle prime tre giornate di campionato e non è mai stato sostituito.

Ancelotti insomma punta forte sullo sfortunato centravanti polacco che, dopo i due gravi infortuni alle ginocchia, è ormai recuperato al 100% e pronto a riprendersi il suo posto al centro dell’attacco azzurro.

Fino ad però Milik ha segnato un solo goal, alla prima contro la Lazio, mentre contro Milan e Sampdoria non ha inciso. Segno che forse la condizione non è ancora di quelle migliori.

Nonostante questo Ancelotti ha comunque sempre preferito il polacco a Mertens, ex titolarissimo di Sarri finito improvvisamente in panchina e utilizzato solo a partita in corso peraltro come esterno o seconda punta.

La rosa del Napoli, dopo aver inseguito per tutta l’estate il sogno Cavani, non dispone di un vero e proprio alter ego di Milik dato che Mertens non può garantire la stessa fisicità nell’area avversaria. Dote evidentemente considerata fondamentale da Ancelotti, almeno finora.

Resta da capire però cosa succederà alla ripresa del campionato quando sia Milik che Mertens torneranno dagli impegni con le rispettive nazionali.

Il polacco infatti potrebbe aver bisogno di tirare il fiato e in quel caso il sostituto, seppure con caratteristiche diverse, dovrebbe essere Mertens. Proprio come accadeva con Sarri.

Leave A Reply