Napoli-Manchester City 2-4: ‘Citizens’ più forti, la qualificazione si allontana

0

Il Napoli perde col Manchester City anche in casa: azzurri a segno con Insigne e Jorginho, inglesi con Otamendi, Stones, Aguero e Sterling.

Ha un sapore agrodolce la sfida con il Manchester City per il Napoli, che esce sconfitto anche davanti al proprio pubblico dopo il ko dell’andata. Il San Paolo assiste ad una partita divertente – inizialmente dominata dai ragazzi di Sarri, poi ripresa da un City stellare – ma deve fare i conti con il 2-4 in favore dei Citizens che mette gli azzurri praticamente spalle al muro in Champions League: allo Shakhtar basta un punto nelle prossime due partite per eliminare gli azzurri.

L’avvio di partita ricorda quello dell’andata, ma a parti invertite. Il Napoli è aggressivo, travolgente, ispirato. L’effetto sugli avversari è quello che voleva vedere Sarri: il Manchester City fatica a produrre gioco, asfissiato dal pressing incessante degli azzurri. Il vantaggio, nell’aria, arriva dopo 20 minuti in seguito ad una combinazione meravigliosa tra Mertens e Insigne, autore del goal.

E’ qui che inizia una nuova partita nella partita. Il Napoli perde Ghoulam per infortunio – sostituito da Maggio, con Hysaj spostato a sinistra – e con l’algerino vengono meno anche certezze tattiche e sincronismi collaudati, con la peggior conseguenza possibile: il Manchester City rientra in partita con ferocia. Gli uomini di Guardiola fiutano l’odore del sangue, trovano il pari con Otamendi e sfiorano più volte il raddoppio. Il Napoli, da dominante, si ritrova in balia dell’avversario.

La ripresa non ha veri padroni come nel primo tempo, ma resta ad alto tasso di spettacolo. Il City raddoppia con Stones sfruttando ancora le incertezze del Napoli su situazioni di calcio piazzato, ma gli azzurri restano aggrappati all’incontro con generosità e riacciuffano il pareggio con Jorginho dagli undici metri.

Alla distanza, però, esce fuori il maggior spessore tecnico e atletico del Manchester City (sempre più serio candidato alla vittoria finale), che trova il tris con Aguero in seguito ad un rocambolesco contropiede. Nel finale, con i padroni di casa alla disperata caccia del pari, è Sterling a firmare il colpo del defintivo ko per il Napoli, ormai con un piede fuori da questa Champions League.

I GOAL 

​21′ INSIGNE 1-0 – Scambio meraviglioso tra Mertens e Insigne, tutto in velocità: il numero 24 si ritrova a tu per tu con Ederson e lo batte con un destro a giro.

34′ OTAMENDI 1-1 – Sugli sviluppi di un calcio d’angolo Otamendi sovrasta Hysaj in elevazione sul secondo palo: niente da fare per Reina.

48′ STONES 1-2 – Ancora su azione di calcio d’angolo, Stones svetta più in alto di tutti: il suo colpo di testa batte sotto la traversa e rimbalza oltre la linea.

62′ JORGINHO 2-2 – Rigore perfetto del brasiliano, che attende il movimento di Ederson con una finta e insacca il pallone dalla parte opposta.

69′ AGUERO 2-3 – Da un calcio d’angolo per il Napoli parte un contropiede letale del Manchester City: il grosso lo fa Sané, poi è Aguero a presentarsi da solo davanti a Reina per il destro angolato che vale il tris.

91′ STERLING 2-4 – Con il Napoli tutto sbilanciato alla ricerca del pari, il City confeziona un altro contropiede da manuale: Sterling infila Reina con un diagonale imparabile.

I MIGLIORI

NAPOLI: INSIGNE 

E’ nettamente il più ispirato, l’ultimo a smettere di crederci. Il goal è una perla, sfiora il raddoppio con una clamorosa traversa.

CITY: STERLING

Lui e Sané sono devastanti: con il pallone tra i piedi regalano sempre la sensazione di poter essere pericolosi. L’ex Liverpool corona la sua partita con la rete del poker.

I PEGGIORI

NAPOLI: HYSAJ

Si ritrova sballottato a sinistra dopo l’infortunio di Ghoulam e lì inizia il suo calvario: colpevole sull’1-1 di Otamendi, soffre Sterling per tutto l’incontro.

CITY: GUNDOGAN

Anche nei momenti di puro dominio del Manchester City è quello che brilla di meno. Un gradino sotto rispetto ai compagni.