Napoli-Liverpool, Ancelotti: “Voglio coraggio e personalità”

0

Ancelotti è assai scettico su Kassai nel ricordo di Real-Bayern, poi carica il Napoli: “Col Liverpool per vincere, voglio coraggio e personalità”.

Vigilia di Champions per il Napoli, che dopo il ko di Torino con la Juventus attende un’altra grande per vivere una notte a ‘5 stelle’. Per la seconda giornata della fase a gironi, al San Paolo arriva il Liverpool.

Carlo Ancelotti, in conferenza stampa, ha parlato dell’arbitro Kassai che diresse Real Madrid-Bayern quando l’allenatore era sulla panchina dei tedeschi e ne derivarono un fiume di polemiche: “Mi ricorda un precedente nefasto per la mia ex squadra, sono sorpreso da questa designazione perchè non è passato tanto tempo e il tempo rimargina le cose ma non le cancella”.

Il tecnico invita gli azzurri a usare la testa:

“La convinzione che dobbiamo avere, come avvenuto con la Juve, è quella di voler giocare come vogliamo noi. Sono partite impegnative, non possiamo pensare di avere il controllo totale del gioco e va migliorata la gestione dei momenti difficili. Sarà un aspetto chiave. Dovremo avere coraggio e personalità”.

“Il Liverpool è una squadra con tanti giocatori e un reparto offensivo pericoloso soprattutto nelle ripartenze, quando attaccheremo per vincere dovremo controllarli e offendere in modo intelligente – avvisa Ancelotti – Servirà equilibrio. Non è una gara decisiva ma importante, dovremo cercare di portare a casa i 3 punti visti i 2 persi con la Stella Rossa”.

Sulla formazione anti-Liverpool:

“Ho un’idea, vedremo in allenamento, abbiamo cambiato molto in queste prime gare e probabilmente cambierò anche domani. Ma strategia e modo di giocare resteranno gli stessi. Sceglierò in base alla condizione fisica, chi ha recuperato da sabato ha le stesse chances di giocare. Sarà un match ad alta intensità, ma fisicamente siamo pronti come dimostrato in 10 con la Juve”.

Elogio ai Reds:

“Sono arrivati in finale di Champions, sono una delle migliori squadre europee in questo momento, è migliorata parecchio ed è molto ben organizzata. Sono ripartiti come avevano finito, hanno un’ottima condizione fisica e sanno affrontare queste grandi sfide”.

Su Salah:

“Non so al momento a che percentuale di condizione sia, ma resta ugualmente un calciatore molto pericoloso”.

In estate, il Napoli ha incassato un sonoro 0-5 in amichevole dal Liverpool:

“E’ stata un’esperienza vissuta, ci ha insegnato tante cose come il fatto di non dover giocare in una certa maniera contro di loro. Hamsik e Fabian Ruiz mai più insieme dopo quella sfida? Casualità, possono coesistere ed accadrà”.

L’allenatore emiliano analizza i motivi della sconfitta dello ‘Stadium’:

“Ci siamo abbassati, abbiamo ‘sporcato’ l’uscita e loro hanno iniziato a pressarci alto. Poi siamo rimasti in 10 poi ci siamo liberati e sono emerse le nostre qualità. Miglioreremo anche attraverso questo tipo di partite, siamo forti e raggiungiamo gioco e attenzione difensiva eccellenti ma manca continuità. Serve anche pensiero e capacità di gestire i momenti in cui non tutto fila per il verso giusto”.

Su Klopp:

“E’ un avversario difficile, è un amico, è un tecnico di grande esperienza e le sue squadre hanno la sua identità. Sono aggressive, intense, verticalizzano molto…”.

Napoli-Liverpool come Juventus-Napoli?

“Mentalmente dobbiamo ripartire dalla prima mezz’ora e da quando siamo rimasti in 10, ora giochiamo in 10 e i tifosi possono aiutarci. Per il resto troveremo una squadra che giocherà ad alta intensità e lo vorremo fare anche noi, dipenderà dalla capacità di imporre la nostra strategia sul match. Non sarà facile, ma sarà la chiave e abbiamo tanta fiducia perchè sappiamo cosa possiamo fare e domani lo faremo”.

Battuta su PSG-Stella Rossa:

“Non ci sono grossi dubbi sul fatto che i francesi vinceranno la partita, ma non penso a quello”.

“Rispetto al campionato spegni l’interruttore e ti concentri su questa sfida affascinante – conclude Ancelotti – dopo una partita si passa subito alle cose positive e sono match bellissimi da vivere. Si vive per quello e serve spensieratezza”.

Leave A Reply