Napoli-Lecce, Gattuso: “Koulibaly giocherà sicuramente”

0

Gattuso annuncia il ritorno di Koulibaly, non pensa al futuro e crede in Lozano: “L’ho spostato a sinistra e mi sta dando soddisfazioni”.

Le tre vittorie consecutive tra campionato e Coppa Italia hanno rilanciato le ambizioni del Napoli, che dopo un avvio da dimenticare sotto la gestione Gattuso hanno trovato fiducia e risultati.

Prossimo impegno il match casalingo col Lecce, alla vigilia del quale ‘Ringhio’ è intervenuto in conferenza stampa.

Dove ha annunciato la presenza di Koulibaly dal 1′ dopo l’infortunio patito due mesi fa col Parma, invitato a non sottovalutare i salentini (con tanto di elogi a Liverani), evidenziato i progressi dei suoi e mostrato di credere in Lozano. Il tutto focalizzandosi sul presente, senza guardare troppo in là.

“Domani c’è la trappola dei 40mila e passa spettatori così come la partita. Se non la interpretiamo come con Lazio e Juve e il Lecce ti palleggia in faccia senza dimostrarci pronti, sarà difficile”.

“Non è un caso che hanno fatto ottimi risultati, giocano a viso aperto e possono farti male. Dobbiamo prepararla bene mentalmente, voglio la stessa cattiveria vista ultimamente. Abbiamo tutto da perdere”.

“Abbiamo 4 difensori centrali, se stanno bene Di Lorenzo torna al suo posto. E ogni partita si giocano un posto. Poi abbiamo 3 terzini – 4 quando tornerà Ghoulam – e anche lì ci si giocherà un posto. Domani Koulibaly giocherà sicuramente dal 1′, il resto lo vediamo domani”.

“Il mio futuro non ha importanza, conta quello del Napoli. Ho un contratto di un anno e mezzo con opzioni, il mio obiettivo è pensare ad oggi. Sono orgoglioso di allenare qui, la priorità è esprimere un gioco all’altezza e far crescere questi giocatori”.

“Sono contento di quello che stiamo facendo in settimana, per come la squadra riesce a lavorare e come si impegna ogni giorno. Se ogni giorno li stuzzichi e gli metti qualcosa di nuovo la recepisce, ha voglia di stare in campo. Abbiamo fatto carichi di lavoro pesanti e cambiato il modo di tenere il campo, mi danno grande disponibilità e spero che non venga a mancare. I complimenti vanno fatti ai ragazzi”.

Fabian Ruiz per 10 giorni ha avuto sempre febbre a 39-40, ora si allena ma non è al top. Allan pure si allena da 4-5 giorni e voglio sentire come sta, preferisco chi è al 100%, ce la sta mettendo tutta”.

“Con la Fiorentina abbiamo toccato il fondo, è stato imbarazzante a livello di voglia. Siamo consapevoli di essere forti, ma noi oggi valiamo 30 punti. Insigne ha detto che abbiamo fatto i danni, ma li abbiamo fatti tutti. Anche io. Perciò non possiamo permetterci di guardare tra 7-8 partite, aver riacceso l’entusiasmo è già un passo in avanti. Ora battiamo il ferro che è caldo, pensando gara dopo gara consapevoli che possiamo fare molto di più”.

Anche io faccio i complimenti a Liverani, quando ero a Pisa fece un miracolo salvando la Ternana dalla C. E’ furbo perchè sa tanto di calcio, fa giocare bene le sue squadre. Non dobbiamo perdere la testa se loro ci palleggiano in faccia, lo fanno in ogni stadio. Da un po’ di anni Fabio sta facendo un grandissimo lavoro”.

So che arrivare in Champions è difficile, però voglio vedere la consapevolezza della forza di questa squadra dando continuità. Dobbiamo essere forti anche su quello che non ci piace, le partite non vanno buttate sulla ‘caciara’ perchè non la conosciamo. Voglio vedere quell’aspetto là”.

Mertens e Milik possono essere coppia o alternativa, in questo momento proseguiamo sulla strada intrapresa. Dries può fare prima, seconda punta o esterno”.

Politano è un’opzione importante per domani. E’ un giocatore forte, gioca a piede invertito, ha velocità e tecnica. Può darci una grandissima mano, è diverso da Callejon. In ogni ruolo abbiamo diverse alternative”.

Lozano sta lavorando, da parte mia ci dev’essere la bravura di farlo lavorare così e dargli una possibilità. Non ho nulla contro di lui, faccio scelte, so che è un patrimonio e che soffre. Secondo me bisogna provarlo anche a sinistra, lì può fare qualcosa ed è da 2 settimane che l’ho messo lì. All’inizio lo vedevo a destra, ora lì mi sta dando più soddisfazioni”.

“Il dualismo Meret-Ospina? Il problema è che sono stati comprati 3 portieri forti, anche Karnezis lo è. Chi vedo meglio gioca, scelgo sempre per il bene della squadra”.

Leave A Reply