Napoli-Juventus 3-2: azzurri vincenti ma non basta

0

Il Napoli vince in rimonta per 3-2 con i goal di Hamsik, Mertens e Insigne, ma ad accedere in finale è la Juventus spinta dalla doppietta del suo numero 9. Banti non espelle Sturaro che dopo esser stato ammonito ne fa almeno altri tre di falli degni del secondo giallo. Qualificazine decisa anche dall’arbitraggio vergognoso di Valeri all’andata.

Il Napoli vince in rimonta per 3-2 con i goal di Hamsik, Mertens e Insigne, ma ad accedere in finale è la Juventus spinta dalla doppietta del suo numero 9, dove troverà la Lazio.

Diversi cambi, rispetto al match di campionato, effettuati da entrambi gli allenatori: sei per Sarri e otto per Allegri. I padroni di casa propongono il consueto 4-3-3 formato da Reina tra i pali; Hysaj, Chiriches, Koulibaly e Ghoulam in difesa; Diawara, Zielinki e Hamsik a centrocampo; Callejon e Insigne a supportare l’operato di Milik. Altro giro, altro 4-2-3-1 targato Madama. Neto in porta; Dani Alves, Bonucci, Benatia e Alex Sandro a dare vita al pacchetto arretrato; Khedira e Rincon in mezzo al campo; Cuadrado, Dybala e Sturaro ad operare alle spalle di Higuain, beccato nuovamente dai suoi ex tifosi.

Il Pipita, nel riscaldamento, ai fischi risponde per le rime indicando la tribuna dove solitamente siede il patron degli azzurri Aurelio De Laurentiis. Partenza a razzo, ritmo elevato e a giovarne è lo spettacolo. Neto in avvio si supera su Callejon, possesso gradevole applicato dai partenopei con i soliti movimenti a ritmo di filastrocca. Contrasti tosti, elevata la posta in palio per ambedue le compagini, Rincon il primo a finire nella lista degli ammoniti. Un gigantesco errore di Chiriches regala a Rincon una palla d’oro, incredibilmente spedita sulla luna. Gli azzurri improvvisamente si perdono e, dal canto suo, Higuain non perdona portando avanti Madama.

Nella ripresa, provando a scuotersi, Milik spaventa dalla distanza e di testa Neto. Il pressing del Napoli trova un verdetto positivo, tanto per cambiare, con Hamsik. Neanche il tempo di esultare, ed è ancora Higuain a regalare un altro dispiacere agli azzurri. La giostra del goal non si ferma e, complice un’ingenuità colossale di Neto, Mertens entra immediatamente in partita nel migliore dei modi. Il vantaggio partenopeo è, invece, opera di Insigne. Pjanic, entrato al posto di Rincon, diffidato salterà la finale contro la Lazio.

I goal:

32′ Numero 9 0-1 – Torsione, destro e Reina fulminato sul suo palo: Higuain, realizzando il suo terzo goal dell’ex in stagione al Napoli, consegna alla Vecchia Signora il pass per la finale. Cuore di pietra.

53′ HAMSIK 1-1 – Bis ravvicinato. Lo slovacco, con un destro chirurgico, rifila alla Juventus l’ottava rete in carriera. Monumentale.

59′ Numero 9 1-2 – Azione corale degna di nota, palla invitante di Cuadrado, Higuain a portare la qualificazione sotto la Mole: poker in stagione alla sua ex squadra.

61′ MERTENS 2-2 – Neto la combina grossissima e, appena entrato, Mertens colpisce in una marcatura elementare.

67′ INSIGNE 3-2 – Callejon a fare il grosso, il 25enne di Frattamaggiore a finalizzare agevolmente da due passi.