Napoli-Fiorentina, Sarri: “La Roma? Pensiamo ai record”

0

Sarri toglie pressione al Napoli: “Se saremo secondi bene, altrimenti avremo gettato delle basi. Stiamo unendo gioco e risultati, difesa in crescita“.

La vittoria della Roma sulla Juventus ha ridotto le chances di secondo posto del Napoli, ma contro la Fiorentina gli azzurri hanno il dovere di vincere per continuare a sperare e confermare gli elogi legati a bel gioco e crescita.

Sarri, nella conferenza della vigilia, ha affermato:

“Il secondo posto dipende dalla Roma ma ciò deve interessarci relativamente. Con i viola sarà difficile, loro giocano con un modulo per noi problematico e riescono a toglierci possesso palla”.

Mertens rinnoverà il suo contratto fino al 2020:

“Sono contento, ma in questo momento è una notizia di contorno. Penso solo alla partita con la Fiorentina”.

Non pensare alla Roma:

“Siamo a -3 dal record assoluto di punti e occorre ottenere quanti più primati possibili. Se ciò ci consentirà di recuperare una posizione bene, altrimenti ci dovremo accontentare di un obiettivo intermedio come il preliminare ma ci saremo comunque tolti delle grosse soddisfazioni e avremo gettato delle basi”.

Dubbio Allan:

“E’ alle prese con un affaticamento muscolare, valuteremo domattina se rischiarlo oppure no. Per noi in certe partite è una soluzione determinante come nel primo tempo di Torino, ma abbiamo anche alternative per farne a meno”.

In molti pensano che il più bel calcio d’Europa lo gioca il Napoli:

“E’ piacevole da vedere ma l’obiettivo è vincere le partite, perciò bisogna unire le capacità di palleggio ai risultati. Ultimamente stiamo trovando continuità, qualcuno dice che per vincere a volte serve giocar male ma per me non è vero…”.

La differenza di fatturato:

“Chi ha più soldi può comprare l’auto più lussuosa… E’ normale ma fortunatamente non matematico, ma le eccezioni tipo il Leicester si ricordano proprio perchè sono rare”.

Elogi alla squadra:

“Il merito è solo dei giocatori, io sono sempre quello della C con grossi difetti. Con questo gruppo non ho avuto problemi e assicuro che gestire i grandi giocatori non è difficile quanto lo è gestire le ‘prime donne’ della C”.

Zeppata alla stampa napoletana:

“Non trovo grande equilibrio nei giudizi di tv e giornali. Bisogna avere dei sogni perchè si lavora meglio e con più determinazione, ma i sogni rimangono miei e dei ragazzi. Ci sarà chi criticherà il terzo posto, ma erano gli stessi che ci avevano collocato in quinta posizione ad inizio campionato…”.

Chiusura sulla difesa:

“Sento dire che facciamo acqua, ma abbiamo preso 4 goal in più dello scorso anno in un campionato dove si segna di più. Qualche rete si poteva evitare, sono stati commessi  errori madornali da limare, ma è un reparto in crescita e i giocatori hanno la mia completa fiducia perchè possono ancora crescere”.