Mertens giura amore a Napoli: “Città fantastica, ne ho parlato con Vermaelen”

0

Dries Merten dichiara il suo amore a Napoli: “Questa città è fantastica, resterò a lungo”. Poi infiamma il calciomercato: “Ho parlato con Vermaelen”.

Dries Mertens e il Napoli, binomio indissolubile. Almeno a sentire le parole rilasciate dal folletto belga in un’intervista esclusiva concessa a ‘Four Four Two’, nella quale l’esterno giura amore eterno ai colori azzurri.

Mertens cuore di Napoli
Mertens cuore di Napoli

“Abito sul mare, mi sveglio la mattina, apro la finestra e posso esclamare: fantastico. Non sapevo che Napoli fosse così bella. Quando ero in Belgio e seppero del mio trasferimento tutti mi dicevano che sarebbe stata una brutta esperienza, che avrei trovato una città sporca, poco organizzata. Non è così e voglio dirlo pubblicamente. Qui è tutto bellissimo, uno dei posti migliori per pensare a una vacanza. Prima, nessuno della mia famiglia immaginava di venire qui da me, adesso la mia casa è diventata un albergo. Sono stato costretto a dormire da Gonzalo Higuain… “, confessa Mertens.

Quindi l’esterno racconta così il suo trasferimento dal Psv: “È stato un esame importante venire a giocare in un campionato difficile e in una squadra così blasonata. Confesso che qualche timore l’ho avuto, sapendo di correre il rischio di non poter giocare abbastanza. Temevo di perdere la Nazionale. Invece è successo proprio il contrario e questa è diventata la stagione della definitiva maturità professionale. Devo tantissimo al Napoli e a Rafa Benitez”.

Mertens, quindi, chiude le porte al calciomercato: “Per il momento sono contento, poi ho un contratto per cinque stagioni. Non penso affatto a cambiare squadra. Lo dico anche perché Napoli è il posto ideale per chiunque voglia giocare ad alti livelli. È un luogo incantato, dove ogni vittoria diventa un grande trionfo. I tifosi sono fantastici, sempre. Nella sfida di Europa League contro il Porto erano in 60mila al San Paolo. Per loro il calciatore è come un idolo e grazie a loro ho avuto anche la possibilità di migliorarmi”.

L’esterno belga frena però i facili entusiasmi: “Tutti i tifosi mi chiedono sempre due cose: vincere lo Scudetto e battere la Juve con un mio goal. Per la seconda richiesta li ho accontentati, speriamo di riuscire a soddisfare anche l’altra. Ma abbiamo bisogno di tempo, di lavoro, di una squadra ancora più forte. Non si può fare tutto in un anno. Non ho grandi rimpianti, so che abbiamo regalato enormi soddisfazioni ai nostri tifosi che, spesso, sono usciti dallo stadio con il sorriso sulle labbra. Abbiamo tentato di appassionarli attraverso un bel gioco e siamo veramente fieri di quello che abbiamo fatto. Davanti a noi si sono piazzate soltanto quelle squadre che hanno stabilito ogni sorta di record nella loro storia calcistica”.

Mertens si schernisce davanti al confronto con Lavezzi: “Sono qui da poco tempo, neanche un anno. Però mi fa piacere ed è una ragione di orgoglio sapere che il mio nome si stia avvicendando a quello del Pocho. La mia forza è la mozzarella di bufala, ne mangio tanta, sono davvero ghiotto”.

E rivela un gustoso retroscena di calciomercato: “Sì, ho parlato con Vermaelen di Napoli, gli ho spiegato che qui sta bene e c’è un grande progetto. Però mi ha risposto che per adesso è un calciatore dell’Arsenal”.

Infine l’esterno chiosa: “Sarebbe semplice dire che vincere la Coppa Italia sia stato l’evento da conservare più di altri nella bacheca della memoria. Ma per me, l’attimo più esaltante di questa esperienza è stato il momento della firma sul contratto che mi ha proposto il Napoli. E poi, come fare a dimenticare la prima notte di Champions? Poi, non vorrei sminuire nemmeno la vittoria contro la Juventus, un successo significativo perché dimostra che i 24 punti di distacco dal primo non corrispondono al vero”.

Leave A Reply