Lazio-Napoli 0-3: gli azzurri abbattono l’aquila all’Olimpico

0

Lezioni di calcio vero all’Olimpioco di Roma, il Napoli blinda la zona Champions superando per 3-0 la Lazio nello scontro diretto: salgono a 7 i punti di vantaggio.

Il Napoli mette un serio veto sulla zona Champions: ora è solo da vedere se vi entrerà dalla porta principale o dai preliminari di agosto. Troppi a questo punto della stagione i 7 punti di vantaggio sulla Lazio, così come troppa differenza tecnica si è vista in campo questa sera tra le due squadre. Divario accentuato anche dalle numerose defezioni in casa biancoceleste, che hanno obbligato Inzaghi a puntare su giocatori di sicuro avvenire ma certamente inesperti come Wallace, Murgia ed un Milinkovi-Savic schierato a sorpresa sulla trequarti. Novità anche per Sarri, questa volta però dettate da esigenze di turnover.

L’indirizzo che prenderà la partita si capisce dopo pochi minuti di gioco, con il Napoli arrivato a Roma per dettare legge. Pressing asfissiante e giocate nello stretto alla base della strategia di Sarri. La Lazio, dal canto suo, si limita a difendere come può la propria porta. Il vantaggio di Callejon è figlio della solita giocata corale di squadra che, di fatto, taglia fuori la linea difensiva avversaria.

La Lazio prova a scuotersi, dando però la sensazione di risentire sia delle fatiche di Coppa che dell’assenza del suo metronomo Biglia. Ne viene fuori una prestazione piatta. L’ingresso di Keita porta un po’ più d’intraprendenza, ma poco prima che lo spagnolo si accenda il Napoli la mette in ghiaccio con Insigne.

I GOAL

25′ CALLEJON 0-1: Mertens premia l’inserimento di Hamsik che, leggermente defilato sulla sinistra, serve sul secondo palo un pallone che deve essere solo spinto in rete dallo spagnolo.

52′ INSIGNE 0-2: Raggiunto da un lancio di Allan, Insigne ha il tempo di controllare la palla in area di rigore, prendere la mira e freddare Strakosha.

90′ INSIGNE 0-3: Il numero 24 chiude in bellezza la serata romana con una conclusione precisa dal limite dell’area che s’infila dove Strakosha non può arrivare.