Inter-Napoli 0-0: azzurri fermati nella gabbia di Spalletti

0

Termina 0-0 al Meazza la sfida tra Inter e Napoli. Palo di Skriniar nella ripresa, azzurri superati in classifica.

Inter e Napoli si spartiscono la posta in palio in un match sostanzialmente equilibrato ed avaro di occasioni da goal. Handanovic e Reina tornano a casa con i guanti praticamente immacolati ed è forse l’Inter a rammaricarsi maggiormente per via del palo colpito da Skriniar ad inizio ripresa. Pareggio che non serve a nessuna delle due!

Il Napoli, dal canto suo, ha fatto la partita, come di consueto. Nel primo tempo, però, il possesso palla dei ragazzi di Sarri è stato sterile e inconcludente. Nella ripresa, invece, complice anche un progressivo arretramento del baricentro dell’Inter, Insigne ha avuto a disposizione un po’ di spazio in più per colpire ma, talvolta impreciso talvolta troppo lezioso, non è riuscito a spaventare più di tanto Handanovic.

A differenza del solito, però, il forcing del Napoli è stato tutt’altro che asfissiante e l’Inter si è potuta difendere con ordine, provando anche qualche ripartenza come quella che per poco non permetteva ad Eder di trovare il gol dopo un pregevole scambio con Icardi. Quest’ultimo, al netto di qualche sponda e tanta generosità, si è visto poco al pari di Perisic, Candreva e Rafinha. Male anche i tre “piccoli tenori” napoletani, con il solo Insigne a provarci.

I nerazzurri tengono il passo della Lazio ma perdono terreno sulla Roma e iniziano a sentire sul collo il fiato dei cugini rossoneri, adesso staccati di soli 5 punti. Il Napoli, invece, perde la leadership del campionato a vantaggio della Juventus, adesso a +1 e che, peraltro, mercoledì recupererà la sfida con l’Atalanta rinviata qualche settimana fa.

I MIGLIORI

INTER: SKRINIAR

Nel primo tempo, coadiuvato anche da un ottimo Miranda, non concede nulla a Mertens e compagni. Nella ripresa, quando il compagno di reparto si perde un po’, è lui a tenere compatta la linea difensiva nerazzurra.

NAPOLI: ALLAN

Nel Napoli sembra l’unico ad avere tanta benzina in corpo. A centrocampo, in un modo o nell’altro, la prende sempre lui. Un autentico motorino.

I PEGGIORI

INTER: RAFINHA

Non si vede praticamente mai, nonostante provi ad offrire soluzioni alternative ai compagni col suo dinamismo. La palla, però, non transita quasi mai dalle sue parti

NAPOLI: MERTENS

Una delle sue prestazioni meno brillanti da quando veste i panni di centravanti. Si vede poco e quando lo fa non è affatto brillante.

Leave A Reply