De Laurentiis a Higuain: “Napoli ti ama, non dimenticarlo”

0

Il patron del Napoli è pronto a fare di tutto per trattenere Higuain: parole dolci, ritocco dell’ingaggio a 7 milioni e clausola di rescissione abbassata.

Secondo posto acquisito, Champions assicurata e record di Nordhal infranto da Higuain. Il campionato del Napoli si è chiuso nel migliore dei modi, con una festa al San Paolo degna di una vittoria dello Scudetto. Adesso, però, a preoccupare tutti i tifosi partenopei è proprio il futuro del ‘Pipita’.

Da parte dell’argentino non è arrivata una presa di posizione netta riguardo al futuro. Ecco perché, come riporta ‘Il Roma’, durante la festa a Villa D’Angelo, Aurelio De Laurentiis ha rivolto queste parole al suo attaccante:

“Adesso vai a rilassarti, non ti dimenticare, però, che sei del Napoli e che questa città ti ama”.

Come a dire, prendi la decisione in serenità, ma noi ti vogliamo a tutti i costi. E infatti, come riporta ‘La Gazzetta dello Sport’, il presidente del Napoli vuole ritoccare il contratto di Higuain, sia in termini economici sia per quanto riguarda la durata. L’obiettivo di De Laurentiis è quello di rinnovare il contratto del ‘Pipita’ sulla base di 7 milioni di euro all’anno, fino al 2020. Ma non solo, il numero uno del Napoli vuole abbassare anche la clausola di rescissione, da 94 a 60 milioni di euro. Per rendere più semplice un eventuale uscita nei prossimi anni.

Intanto tra i pensieri di De Laurentiis c’è sempre anche Sarri, che è stato elogiato ancora:

“Sono stato l’unico a credere fermamente in lui. Lo ringrazio per averci riportato in Champions e per aver rivalutato giocatori nascosti. Mi piace perché è testardo e folle”.

Il Napoli vuole ripartire la prossima stagione proprio da questi due punti fermi: Higuain e Sarri, che hanno fatto le fortune di questo anno. Ma ci sarà anche Tonelli, pupillo del tecnico e primo acquisto del mercato estivo, come confermato dopo la vittoria contro il Frosinone. Il difensore è atteso già oggi a Castelvolturno per le visite mediche.

Leave A Reply